Capitolo 1: Prologo

“Grandi notizie! Wei WuXian è morto!”

 

Era passato meno di un giorno dall’assedio ai Colli dei Sepolcri [1]e già le notizie attraversavano il mondo dei Cultori[2] come se avessero le ali, perfino più veloci dell’andamento stesso della guerra.

Per qualche tempo, chiunque – che appartenesse ai Clan[3] più in vista o fosse un Cultore solitario – aveva qualcosa da dire sull’assedio capeggiato dai Quattro Grandi Clan e spalleggiato da centinaia di Clan minori.

 

“Il Patriarca di YiLing è morto? E chi è riuscito ad ucciderlo?”

“Chi altri se non il suo shidi[4], Jiang Cheng? Ha schiacciato il suo stesso familiare per il bene superiore. È stato Jiang Cheng a guidare i Quattro Clan di YunmengJiang, LanlingJin, GusuLan e QingheNie per poter distruggere il suo “covo” – i Colli dei Sepolcri.”

 

“Bisogna proprio dirlo, era ora!”

 

“Certo che era ora! Abbiamo finalmente eliminato questa piaga.”

 

“Se non fosse stato per il Clan YunmengJiang che lo adottò e lo istruì, non sarebbe stato altro che un mendicante per la strada, altro che arrivare ad oggi per seminare il caos con una tale impudenza. La Signora del Clan Jiang lo crebbe come suo figlio e nonostante tutto li ha rinnegati ed è diventato il nemico dell’intero mondo dei Cultori, gettando fango sul Clan Jiang e per giunta portandolo quasi al completo sterminio. Ecco un esempio di cosa significa allevare una serpe in seno!

 

“Jiang Cheng ha lasciato che quel ragazzo vivesse anche troppo. Fossi stato io, al momento del tradimento lo avrei trapassato da parte a parte. In effetti, avrei di nuovo ispezionato per bene i discepoli del Clan, in modo che non avesse modo di fare le idiozie che fece. Chi se ne importa del “riguardo” verso il suo amico d’infanzia!

 

“Si tratta solo di voci. Anche se Jiang Cheng è tra i più potenti, non è stato lui a dare a Wei WuXian il colpo di grazia A causa della sua scelta di dedicarsi alla Via Demoniaca, i poteri di Wei WuXian hanno finito per ritorcersi contro di lui e lo hanno ridotto a brandelli”

 

“Ahahahah… Quello è il karma! I soldati fantasma che aveva creato non sono nient’altro che cani senza padrone che mordono chiunque incrocino nel loro cammino. Gli sta bene essere finito sbranato lui stesso!”

 

“Ma se non fosse stato per Jiang Cheng e al suo piano che mirava ai punti deboli di Wei WuXian, l’assedio sarebbe potuto fallire. Devo forse ricordare a voialtri dell’oggetto che Wei WuXian possedeva? Avete dimenticato il giorno in cui furono completamente annientati tremila abilissimi Cultori?”

 

“Ho sentito che si trattò di più di tremila, forse cinquemila.”

 

“Era sicuramente uscito di senno.”

 

“È una buona cosa che abbia distrutto quell’arma infernale prima di morire. In caso contrario, se fosse rimasta in questo mondo continuando a nuocere, i suoi peccati sarebbero stati ben peggiori.”

 

“Ah beh… Voi sapete che, tempo prima, Wei WuXian era uno dei Cultori più promettenti, con tutto che discendeva da un Clan così ben distinto, già ben affermato da così giovane. Come diamine sarà arrivato a questa fine?”

 

“Questo dimostra che uno può coltivare le proprie abilità solo seguendo la via corretta. L’uso di pratiche disoneste sembra utile solo all’inizio. Avete visto cosa è successo alla fine? Non è rimasto neanche il suo cadavere completo.”

 

“Non fu soltanto a causa della sua scelta di studi. Wei WuXian era proprio un personaggio immorale. Alla fine, uno deve pagare i propri debiti; chi semina vento raccoglie tempesta”

 

 

Dopo la morte di Wei WuXian, si mise fine alla discussione. I discorsi della gente rimasero più o meno gli stessi, con poche voci di dissenso messe immediatamente a tacere.

Nonostante questo, la questione spinosa si annidava ancora nei pensieri di tutti.

Nessuno era riuscito ad evocare lo spirito di Wei WuXian e ciò significava che era completamente scomparso.

Poteva darsi che fosse stato ridotto in pezzi dai milioni di fantasmi che lo avevano divorato.

O poteva essere sfuggito.

Nel primo caso, tutto andava bene. Tuttavia, nessuno dubitava del fatto che il Patriarca di YiLing avesse il potere di smuovere le montagne e svuotare gli oceani.

Nel secondo caso, prima o poi il suo spirito sarebbe tornato per riportare in vita il suo corpo. Quel giorno, il mondo dei Cultori o perfino il mondo dei mortali avrebbe conosciuto una dannazione folle e vendicativa, precipitando nel più disperato e assoluto caos.

I vari Clan piazzarono duecentoventi bestie di pietra in cima ai Colli dei Sepolcri e diedero inizio a frequenti riti di evocazione spirituale, seguiti da una serrata sorveglianza e pattuglie in caso di avvenimenti sospetti in ogni parte del mondo.

Il primo anno non accadde nulla.

Il secondo anno non accadde nulla.

Il terzo anno non accadde nulla.

 

 

Il tredicesimo anno, non successe nulla lo stesso.

Sempre più gente ormai cominciava a persuadersi del fatto che, forse, il Patriarca di YiLing era davvero morto.

Pur essendo stato capace di sconvolgere il mondo, finalmente era giunto il suo turno di finire sopraffatto.

Nessuno sarebbe rimasto alla vetta in eterno – le leggende non erano altro che leggende.

[1] Vedi Note di Traduzione in fondo al capitolo.

[2] Cultori: La Coltivazione è lo studio di un ibrido arti marziali / buddhismo / taoismo / magia. L’immortalità non è presentata come fine ultimo nella novel e solo un gruppo piccolissimo la raggiunge. Il fine ultimo sembra essere proprio il coltivare le proprie abilità, nulla di più.

[3] Clan: organizzazione di Cultori legata dal sangue.

[4] Shidi: Fratello marziale. Usato per maschi della stessa famiglia marziale, coetanei o più giovani.

 

 


 

Note di traduzione

Colli dei Sepolcri: In originale 乱葬岗 (Luanzang Gang). Indica una fossa comune, in cui vengono ammassati (乱) i corpi durante la sepoltura (葬), poi ricoperti da collinette (岗), non dissimili dai nostri tumuli. Nonostante si tratti di una montagna, il nome serve a far capire che non solo si tratta di una montagna-tomba ma anche a indicarne la “topografia”. I corpi che col tempo vi si sono ammassati hanno formato strati su strati, creando questi tumuli.

Ora, “Tumuli” sarebbe stata una traduzione riduttiva e inesatta del termine, basata solo sull’inglese “burial mounds”.
“Tumuli Sepolcrali” è altrettanto inesatto, per le stesse motivazioni (oltre a essere traduzione inesatta di “burial mounds” e ridondante, visto che i tumuli in italiano già rimandano alla sepoltura).
Come rendere quindi l’idea di questa montagna-cimitero, formata da picchi e collinette ammassate, frutto di innumerevoli “sepolture”? Come rendere il fatto che “sepolture” vere e proprie non sono, visto che i corpi sono stati ammassati senza scrupoli e alla rinfusa uno sull’altro? Come rendere lo stesso tono dell’originale?
La nostra soluzione è stata quella di fare un saltello, scegliendo di non utilizzare un nome che rimandasse solo al concetto di fossa comune ma che avesse una prospettiva un po’ più ampia. Quindi abbiamo usato due termini che non solo riteniamo rendano il senso già di loro, ma che speriamo possano essere più efficaci di altre traduzioni grazie al significato aggiuntivo che un lettore italiano attribuisce alla parola “Colli” e alla parola “Sepolcri”.

Sì, tutta questa nota era per dire che abbiamo voluto fare le auliche e quindi vi tocca subirvi l’influenza di Leopardi e Foscolo, ooops!

 

 

I nomi:

Altra questione da specificare da subito è quella dei nomi. Ovviamente la base di tutto è l’onomastica cinese tradizionale. Qui trovate una versione super-semplificata ( QUI invece troverete una spiegazione più completa, immediatamente dopo la prima immagine).

Nome proprio: nome che si ha dalla nascita. Usato da familiari stretti e amici intimi o amici coetanei.

Nome di cortesia: nome che si utilizza dal momento in cui si raggiunge la maggiore età (o “debutto” nel mondo adulto, per essere precisi). Usato in segno di rispetto, da sconosciuti o anche conoscenti. Non pensiate che il ‘di cortesia’ indichi distacco: anche  amici e familiari possono utilizzarlo normalmente.

Titolo: Non tutti lo hanno (beh, quasi tutti i nostri personaggi lo hanno, ma solo perchè molti sono Cultori rinomati).

 

E ora il nostro mirabolante protagonista, nell’illustrazione ufficiale:

Weiwuxian.png


Importante!

I capitoli dall’1 al 23 sono in fase di revisione.

2 pensieri riguardo “Capitolo 1: Prologo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...